29
Nov

FS Sistemi Urbani: 50 candidati per il “Concorso Farini”

Per il masterplan degli scali milanesi Farini e San Cristoforo

Cinquanta candidati per il “Concorso Farini”, selezione internazionale per la redazione del masterplan di trasformazione e rigenerazione urbana degli scali ferroviari di Milano Farini e Milano San Cristoforo promossa da FS Sistemi Urbani (Gruppo FS Italiane) e da COIMA SGR (leader in Italia nell’investimento, sviluppo e gestione di patrimoni immobiliari per conto di investitori istituzionali).

Team multidisciplinari nazionali e internazionali, tra cui anche molti giovani professionisti, si sono presentati in questa fase che si è conclusa il 23 novembre.

Impegnativo sarà quindi il compito della giuria, composta da sette componente (Presidente Dominique Perrault) più due supplenti, che entro il 21 dicembre dovrà selezionare i cinque gruppi multidisciplinari che avranno accesso alla seconda fase del concorso per l’elaborazione del masterplan che dovrà offrire soluzioni orientative per la rigenerazione degli spazi non più utilizzati per le attività ferroviarie a Milano Farini e Milano San Cristoforo.

Ad aprile 2019 sarà proclamato il vincitore dei cinque gruppi multidisciplinari.

“Siamo soddisfatti del risultato ottenuto in questa prima fase. Viste le professionalità dei candidati, ci aspettiamo soluzioni urbanistiche innovative e sostenibili dai cinque team che saranno selezionati per la redazione del masterplan”, ha sottolineato Carlo De Vito, Presidente di FS Sistemi Urbani. “Il Concorso Farini è una tappa fondamentale di un più ampio processo che porterà alla rigenerazione degli ex scali ferroviari di Farini e di San Cristoforo e sarà l’occasione per ripensare e ridisegnare un’importante parte della città. Si tratta di uno dei più grandi progetti di ricucitura e valorizzazione del territorio che interesserà Milano nei prossimi decenni”.

“Un numero così alto di candidature, e la partecipazione al bando da parte di molti giovani professionisti a livello internazionale, testimoniano l’attrattività di Milano come laboratorio di innovazione urbana sostenibile che possa avere un ruolo chiave nello sviluppo responsabile del territorio”, ha commentato Manfredi Catella, Founder & CEO COIMA. “Grazie a progetti che abbiano queste prerogative, Milano può diventare un esempio virtuoso da esportare in Europa e nel mondo”.