22
Feb

Città del Vivere: Milano sia hub per gli innovatori

“Innovazione, connessioni, porosità, accessibilità, infrastrutture ambientali, identità sono state le parole chiave: Milano sia la città degli innovatori, prima ancora che dell’innovazione; le connessioni fisiche e di mobilità, perché siamo consci che i cambiamenti dell’uso urbano sono sempre più rapidi; la porosità, imprescindibile contro ogni muro, fisico o culturale; l’accessibilità universale, infrastruttura primaria del vivere contemporaneo insieme a quella ambientale; l’identità, che sia milanese tanto quanto internazionale, da declinarsi con originalità e senso di appartenenza”. Con queste parole Leopoldo Freyrie, Presidente della Fondazione Riuso e coordinatore del Tavolo La Città del Vivere, dedicato al contesto urbanistico e architettonico, ha illustrato le linee guida per la Milano del futuro individuate dal suo gruppo di lavoro durante il workshop Scali Milano, che si è svolto dal 15 al 17 dicembre allo Scalo Farini. 

Forte anche la richiesta di una regia pubblica dello scenario generale, affinché le scelte che riguardano la città nei prossimi 20 -30 anni siano consapevoli e chiare.

Creare spazi pubblici a scala umana, vivibili, curati e sicuri, adatti per il mix sociale generazionale e ottimizzare la relazione tra densità urbana e spazi verdi, sono alcuni dei principi fondanti emersi durante il workshop e funzionali a rendere Milano una città di giovani e innovatori, pilota nelle iniziative culturali.